Aspiranti attrici violentate da falso regista

Finti casting con l’intento di abusare di giovani aspiranti attrici: questo è quanto emerso dal rapporto del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli, attraverso un’indagine partita da febbraio e che ha portato all’arresto di un falso regista che ha adescato e poi abusato di 8 giovani ragazze, con la falsa promessa di un posto da attrice in uno dei suoi film.

Al primo incontro, il 40 enne di cui non state rese note le generalità, affittava degli uffici per ospitare le ignare candidate alle quali faceva leggere copioni e recitare, ma successivamente le richiamava sistematicamente, una dopo l’altra, per fissare un ulteriore appuntamento in appartamenti privati, dove poi avveniva lo stupro, in alcuni dei casi con la scusa di recitare una parte per dimostrare le proprie attitudini artistiche.

Una episodio molto triste e vergognoso, volto ad avvertire tutte quelle persone, le quali abbagliate dall’entusiasmo, non riescono a percepire le più brutte intenzioni di soggetti sprovvisti di una minima coscienza.

Per ora le vittime che hanno sporto denuncia sono 8: ricordiamo che controllare sempre le credenziali di un professionista o presunto tale attraverso le documentazioni, rappresenta una garanzia di sicurezza per evitare gravi episodi come questo.

Condividi