Della politica non ci si può più fidare: mafia crea lista civica

“Servono cristiani giusti, altrimenti restiamo fuori, non c’è da fidarsi di nessuno”

Accade nel comune di Misilmeri (30mila abitanti, area palermitana) dove il proprio consiglio comunale è stato sciolto ben tre volte per infiltrazioni mafiose, l’ultima nel 2012 e per una ironica coincidenza, dove sono state girate diverse scene del film “Mafioso” interpretato da Alberto Sordi.

I carabinieri, attraverso la loro operazione denominata “Cassandra”, scoprono il progetto dei boss ed arrestano successivamente 8 persone e già in passato avevano posto fine ad una intenzione identica, con l’operazione “cupola 2.0”.

In sintesi, i boss avevano intenzione di creare una propria lista dove gli stessi candidati erano già affiliati alle famiglie escludendo quindi eventuali “intermediari” e di conseguenza traendo i propri vantaggi in modo diretto.

Condividi