Ciao mi chiamo Siri: dopo anni di battutacce me lo merito un computer?

La lettera di Siri a Apple

Una donna di nome Siri Hafso ha scritto a Tim Cook, CEO di Apple chiedendo un laptop gratuito per il suo trentesimo compleanno, dopo anni di battute subìte dagli amici che la chiamano per scherzo anche al telefono chiedendole qualsiasi cosa.

Sulla sua lettera condivisa su TikTok, Siri spiega che fino al 2011 ha sempre amato il suo nome in quanto unico, talmente unico da non riuscire mai a trovare il proprio nome su un portachiavi al negozio di souvenir. Ma poi tutto è cambiato quando Apple ha introdotto il suo assistente digitale e lo ha chiamato proprio come il suo, e da allora Siri ha avuto il nome più comune al mondo e sono cominciate ovviamente, battute a non finire da parte dei propri amici.

Il video, caricato giovedì 20 maggio, ha già ricevuto 17mila like e una moltitudine di commenti, tra cui un altro utente, di nome Alexa, che ha risposto per solidarietà: “Come Alexa, capisco il tuo problema: Alexa accendi le luci, Alexa che tempo fa , non finisce mai”.

Immaginate se il vostro nome fosse legato ad un assistente di un telefono o in generale ad un sistema di domotica integrata dove praticamente gli utenti di tutto il mondo chiamano proprio voi per richiedere una notizia o semplicemente per accedere le luci, e dove paradossalmente voi stessi vi auto-chiamate. Potrebbe essere divertente, sì, ma fino ad un certo punto.

Condividi