La Grecia apre al turismo, ma non all’Italia, alla Spagna, Francia e Gran Bretagna

Sono 29 i paesi “accettabili”, ma tra questi la nostra nazione, la Spagna la Francia e la Gran Bretagna non sono ritenuti idonei. Ma la Cina ad esempio sì.

Questa è, per ora, la lista dei Paesi idonei dal punto di vista greco: Albania, Australia, Austria, Nord Macedonia, Bulgaria, Germania, Danimarca, Svizzera, Estonia, Giappone, Israele, Cina, Croazia, Cipro, Lettonia, Libano, Lituania, Malta, Montenegro, Nuova Zelanda, Norvegia, Corea del Sud, Ungheria, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca e Finlandia. I cittadini di queste nazionalità potranno quindi varcare i confini della Grecia a partire dal 15 giugno.

Da Atene è arrivata comunque la precisazione del fatto che la suddetta lista è semplicemente provvisoria e che verrà aggiornata il primo di luglio. Non è dato sapere, per ora, quali siano state le scelte che hanno portato il governo greco a chiudere le proprie frontiere ad alcune nazioni rispetto ad altre; scelte giudicate peraltro “insensate” anche da alcuni stati presenti nella stessa lista di idoneità.

Per precisare meglio la situazione attuale, non è solo la Grecia ma anche Austria Croazia e Svizzera per ora, escludono l’Italia dal gruppo dei Paesi ai quali saranno riaperte le frontiere.

Condividi