L’app che vi dice se siete positivi da un colpo di tosse

PREMI PLAY PER ASCOLTARE L’ARTICOLO

L’intelligenza artificiale lo sa, perché l’algoritmo è infallibile, o meglio, si avvicina al 100%.

Mi viene da pensare a quegli indovini che spopolavano nel medioevo, ai quali si rivolgevano i re per sapere come sarebbe stato il loro primogenito e quando la risposta del mago era “sarà un gran re” e poi invece questo figlio si sarebbe rivelato un ubriacone e un violento chiaramente indegno della corona, la loro giustificazione era sempre la stessa: ha deciso di cambiare vita. Il libero arbitrio insomma ha preso il sopravvento rispetto al glorioso destino che lo attendeva.

Ora però il Massachusetts Institute of Technology, in collaborazione con  l’Università di Cambridge, sfornano una o più app in grado di rilevare da un colpo di tosse se abbiamo il covid-19.

In tutta onestà non mi fa incazzare la furbata dell’app, ma il fatto della garanzia del 90%, sulla base di campioni audio raccolti da 5 mila pazienti.

E questo invece mi ricorda la grande propaganda di Pfizer che ha promesso un vaccino anch’esso in grado di sfiorare, per ironia del caso, il 100%.

E’ semplicemente imbarazzante che due monoliti della cultura facciano una cosa del genere. Come sarà ulteriormente imbarazzante vedere il numero di download.

Ricordatevi che se di matematica si deve parlare, “quasi il 100%”, tradotto in tempistiche a divenire, quindi in progress, non significa assolutamente nulla.

Quasi significa poco meno, non uguale.

Condividi