Lucano condannato a 13 anni e 2 mesi

Ritenuto colpevole di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, truffa, peculato e abuso d’ufficio, l’ex sindaco di Riace, Domenico Lucano, è stato condannato dal tribunale di Locri a 13 anni e 2 mesi.

In seguito a 75 ore di camera di consiglio, Fulvio Accurso alla presidenza ha portato a sei anni in più la pena che in partenza era di 7 anni e 11 mesi ed il risultato è stato commentato dall’avvocato Giuliano Pisapia che lo difendeva e per il quale invocava l’assoluzione, come “Non un processo politico ma che comunque un certo accanimento c’è stato”.

Operazione Xenia

L’ex sindaco fu arrestato nel 2018 nel corso dell’operazione “Xenia” della Guardia di Finanza, coordinata dalla stessa procura di Locri.

Fra le 1200 pagine prodotte dai magistrati vi è anche la contestazione di un ammanco di 5 milioni di euro probabilmente orientati, secondo le indagini, verso tasche private invece di incrementare il fondo per l’integrazione proprio dei migranti per i quali Lucano era conosciuto come “paladino dell’accoglienza e dell’integrazione” per antonomasia.

Fonte foto: Wikipedia

Condividi