Neowise prende congedo: tornerà fra 7 mila anni

Dopo essere sopravvissuta con una velocità di 79 chilometri al secondo nel suo perielio (il punto più vicino al sole dove generalmente le comete tendono ad esplodere) ed essersi avvicinata a un centinaio di milioni di chilometri dalla terra (perigeo), la cometa C/2020 F3 “Neowise” comincia a farsi sempre più lontana, puntando esattamente da dove è venuta, ossia la nube di Oort, e si porta via anche le sue bellissime due code: quella bianca delle polveri che si fondono con il calore e quella blu, data dagli ioni pettinati via dal vento solare.

La luce data dalle due code è quindi una sublimazione: questo farà sì che quando tornerà, fra settemila anni, non avrà più un diametro di 5 km ma decisamente meno.

Credit: Rutger Bus Photographic Moments

Condividi